Week-end

CONDIVIDI INVIA STAMPA

La misteriosa Tholos di Gurfa

Scoperta in Sicilia la tholos più grande del Mediterraneo. Che sia la tomba di Minosse? Restano numerosi i misteri legati al significato dei suoi giochi di luce

La misteriosa Tholos di Gurfa - Scoperta in Sicilia la tholos più grande del Mediterraneo. Che sia la tomba di Minosse? Restano numerosi i misteri legati al significato dei suoi giochi di luce
Fotogallery
Una nuova scoperta archeologica dalle tinte misteriose ha coinvolto il nostro Paese che vanta siti di rara bellezza in ogni regione dello Stivale. Un’altra gemma preziosa si è andata ad aggiungere al ricco patrimonio nazionale, e lo ha fatto portando con sé un velo di mistero e suggestione tutto speciale. Gli amanti degli enigmi inspiegabili troveranno questo luogo davvero accattivante così come le teorie che sono state elaborate riguardo la sua origine.

Ci troviamo a Gurfa, nella Provincia di Palermo. Proprio qui, nascosta da un paesaggio incontaminato che con il suo clima mite e secco tipicamente siciliano l’ha preservata nel corso dei secoli, è stata scovata una splendida tholos, una delle tipiche strutture a cupola della tradizione ellenica ed etrusca utilizzate come luoghi di culto e sepoltura. Ma non si tratta di una tholos qualunque, questa splendida struttura completamente scavata nella roccia è la più grande dell’intero Mediterraneo. Un primato che fino alla sua scoperta spettava allo splendido Tesoro di Atreo a Micene. L’architetto Carmelo Montagna, storico dell’arte che da tempo studia le tholoi, in una recente intervista ha rivelato alla rivista Fenix che la tholos siciliana potrebbe essere niente meno che la leggendaria tomba di Minosse. Una teoria che renderebbe la scoperta di Gurfa ancora più incredibile ed affascinante e che aggiungerebbe un nuovo luogo del mistero ai numerosi presenti nel nostro Paese.

Ma non è finita! Durante l’intervista, infatti, lo studioso ha descritto la tholos e ne ha svelato alcuni particolari che lasciano davvero a bocca aperta. Il maestoso ambiente che ci si trova davanti una volta entrati, infatti, sebbene dominato dal buio per buona parte dell’anno, il giorno dell’equinozio di primavera assume un aspetto del tutto nuovo ed affascinante. Questo momento suggella un’unione suggestiva e misteriosa tra la tholos e la luce: i raggi solari, infatti, filtrando attraverso una fessura nella roccia, colpiscono esattamente la fossa del nadir pavimentale coprendo letteralmente di luce chi si trova al suo interno in un determinato punto. Un dettaglio che dimostra le sorprendenti conoscenze astronomiche di chi l’ha progettata e che unito al totale mistero legato al motivo della scelta di tale legame con il sole e alle tipologie di rituali che si svolgevano al suo interno, rende la tholos di Gurfa un luogo assolutamente da visitare.



Leggi anche:
Sulle orme dei misteri siciliani
Le mummie dei Cappuccini



Eleonora Autilio - Nexta

Data: 15/8/2012


Case Vacanza
Comune
Prezzo min(€)
Metri quadri min
Contratto
Tipologia
 
  Powered by
Facebook Popolari Amici